La Marcia del Quarto Stato

45,0050,00

Marcia da concerto di Carlo Pirola.

Compositore: Carlo Pirola

Svuota

Descrizione

Marcia da concerto di Carlo Pirola.

Anteprima del PDF

Il Quarto Stato è un celebre dipinto a olio su tela (iniziato nel 1898 e terminato nel 1901) dal pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo (1868-1907) e rappresenta un popolo di lavoratori, di operai e di diseredati in marcia verso il futuro. L’opera è conservata al Museo del Novecento di Milano. L’intenzione del Pellizza è quella di rappresentare una manifestazione di protesta, decisa ma non violenta, con un’andatura lenta e sicura che si avvia verso un’inevitabile sensazione di vittoria. Queste prime considerazioni mi hanno suggerito l’idea di un tema di marcia che si presenta fin dall’inizio e che si articola varie volte in forma descrittiva, a rappresentare il gruppo dei lavoratori in movimento. I due uomini e la donna col bambino in braccio in primo piano hanno come riferimento il tema a battuta 16, una tema successivamente ripreso in varie sezioni e corredato da altri interventi ritmici e accordali. La composizione ha quindi un carattere descrittivo e musicale dell’opera pittorica, facendo riferimento alla tecnica pittorica cara al Pellizza chiamata “divisionista” ho quindi cercato di distribuire il materiale tematico nelle varie estensioni strumentali, in un ordine che ricorda la visione delle persone disposte su diverse file e concatenate in tre grandi gruppi. Le grida di protesta sono rappresentate dalle strappate dissonanti a battuta 36 e successive.

Il movimento ritmico dei piedi, evidenziato dalle ombre, la gestualità delle mani, gli abiti, gli sguardi che sottolineano il dialogo che intercorre fra i lavoratori, le loro rivendicazioni e le loro suppliche, mi hannopermesso di creare altri interventi musicali sempre derivati dal tema principale. La marcia prosegue a tratti in modo energico nel descrivere il contesto dell’evento in cui spiccano la fissità e la frontalità della rappresentazione ed offre pure dei passaggi meditativi con varie cadenze strumentali, sono momenti musicali che servono ad evidenziare le aspettative, il desiderio di nuovi cambiamenti sociali a favore dei lavoratori. 

Nel dipinto il gruppo è disposto su più file ed avanza inesorabilmente verso chi guarda, questa prospettiva offre la possibilità di realizzare una strumentazione con sonorità compatta e variamente articolata, rivolta ai particolari comportamenti espressivi dei personaggi raffigurati nel dipinto.

Nel finale la musica si fa coinvolgente e contrastata e il “tutti” corale è rappresentato dalla ripresa del tema principale che ancora una volta evidenzia il cammino dei lavoratori verso un luminoso futuro.

N.B. – E’ auspicabile un commento all’inizio dell’esecuzione musicale, accompagnato da una scelta di immagini riguardanti il dipinto del “QUARTO STATO”. L’editore fornirà questo corredo di immagini da adattare a piacere durante la lettura del testo di presentazione sopra riportato. Inoltre, per una maggior efficacia e comprensione del brano musicale, è possibile, durante l’esecuzione, proiettare l’ambientazione e le immagini del dipinto in generale, con i particolari dettagli riguardanti i personaggi in primo piano e i figuranti disposti nelle file. Questa successione di immagini è debitamente segnalata in partitura ed è fornita dall’editore in aggiunta al materiale musicale.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.7 kg
Compositore

Editore

Formato di vendita

Cartaceo, Pdf

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La Marcia del Quarto Stato”